In cooperazione con Amazon.it Sono diventata un'affiliata Amazon! Se acquisterete cliccando su questa foto di fianco (programma affiliazione amazon), infatti, mi arriverà una minima commissione dalle tasche del sito (mi sembra meno del 5%) e io provvederò a utilizzare quei soldi per acquistare libri, graphic novel e quant'altro da poter recensire sul blog. Ringrazio tutti coloro che utilizzeranno questo link!

martedì 18 luglio 2017

Consigli di lettura || Vita e famiglia #1


Esistono dei libri che, a volte, sembrano scritti quasi appositamente per noi. Quei titoli che ci attraggono e si legano a noi senza volerci lasciarci andare, impedendoci di riuscire ad esprimere il nostro parere su di essi. Lacci, per me, è uno di quei titoli. Questa storia parla di una famiglia, una famiglia ormai andata in frantumi e che, pagina dopo pagina, si allontana come i lacci delle nostre scarpe dopo una corsa, che, in un modo o nell'altro, ci ostacolano il percorso dandoci l'impressione di star sempre per cadere, di dover stare attenti per rimanere in piedi. Una famiglia, solitamente, è composta da persone che si vogliono bene, che possono contare l'uno sull'altra, nonostante tutto. Quante volte ci ripetiamo che la famiglia è importante? Il nucleo della nostra vita, il centro dalla quale inizia tutto. Ma, in questo breve racconto, Starnone ci vuole mostrare che una famiglia non è sempre fonte di gioia e amore ma che, a volte, essa può essere anche il nostro incubo più grande. Quante volte perdoniamo una persona che ci ha fatto un torto anche se non lo merita? E quante, invece, rimaniamo delusi proprio da quel nostro gesto? Ciò che facciamo, a volte, è solo perché ci viene automatico, perché pensiamo che sia giusto così, che è così che deve andare. In Lacci tutta la storia di questa famiglia sembra scritta. Una storia che inizia con delle lettere di abbandono, di rabbia e di dolore di una donna che viene allontanata da suo marito, per volontà di quest'ultimo. La storia, continua poi con il ritorno di quest'uomo e il suo punto di vista di quest'ultima faccenda, della sua ultima decisione. E' una decisione giusta? Si può riparare ciò che sembrava essersi rotto per sempre? O, forse, tutto ciò è semplicemente impossibile? E' una storia che fa pensare nonostante le sue poche pagine, che ci dà modo di guardare il concetto di famiglia sotto un altro aspetto. Quello della delusione.
Seppellire i morti e riparare i viventi.
E' su questa frase che si incentra tutto il libro, una frase che potrebbe sembrare quasi paradossale, in quanto sembra incredibile che, a volte, la morte di qualcuno possa (ri)portare la vita a qualcun altro. Dopo un brutto incidente con i suoi amici, i genitori di Simon Limbres vengono informati della morte del loro bambino. Il loro bambino di diciannove anni, che avrebbe dovuto vivere la sua vita ancora per molto, prendendosi cura della sua sorellina Lou, continuando ad uscire con la sua fidanzata Juliette e stando con i suoi genitori e i suoi amici, continuare la sua passione del surf, i suoi hobby e realizzare i suoi desideri. Dopo questa notizia, i due genitori inizieranno ad incolparsi a vicenda, a parlare di quello che sarebbe potuto succedere se... Ma che, ormai, non accadrà mai. Perché, si sa, quando le persone non riescono a trovare un senso a qualcosa, iniziano a cercarlo e se non riescono a trovarlo, incolpano sé stessi creando scenari immaginari, scelte e convinzioni diverse. In parallelo a ciò, invece, la speranza di una donna può riprendere ad alimentarsi. C'è un cuore per lei, un cuore che può farle continuare a vivere la sua vita, darle l'opportunità di seguire ancora i suoi tre figli, mangiare con sua madre la domenica e tradurre libri inviati dagli editori. E, con lei, altri pazienti potranno ricevere reni, polmoni ed organi fondamentali per continuare la propria vita. Vita, una parola che, ormai, sarà sconosciuta per Simon, un ragazzo con tante ambizioni che, però, è riuscito a dare speranza e felicità ad altre persone e ad altre famiglie, distruggendo, però, la sua.
Un autore che si incentra molto sull'impatto con la scrittura, riempiendo le frasi di virgole e omettendo le virgolette durante i dialoghi. Tutta la narrazione scorre velocemente, come se stessimo rincorrendo un obiettivo che ci rende quasi schiavi, che ci riduce ad una forte ansia, ad un grande bisogno di conoscere. Un autore che trasforma la morte in vita, facendolo, però, in un modo del tutto sincero. Nel modo più doloroso possibile.

4 commenti:

  1. Ho conosciuto questi due libri grazie al tuo blog e mi avevano incuriosito molto, ed ora sono ancora più convinta di leggerli. Li metto subito in wish list! :)

    RispondiElimina
  2. Ciao! Passo di qui per dirti che ho nominato il tuo blog al Liebster Award del 2017! Ecco il link:

    http://lanostrapassionenonmuore.blogspot.it/2017/07/liebster-award-2017.html

    Spero tanto che parteciperai :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, appena tornerò a casa farò tutto ciò che il post richiede. Un bacio.

      Elimina