In cooperazione con Amazon.it Sono diventata un'affiliata Amazon! Se acquisterete cliccando su questa foto di fianco (programma affiliazione amazon), infatti, mi arriverà una minima commissione dalle tasche del sito (mi sembra meno del 5%) e io provvederò a utilizzare quei soldi per acquistare libri, graphic novel e quant'altro da poter recensire sul blog. Ringrazio tutti coloro che utilizzeranno questo link!

lunedì 10 aprile 2017

WRAP UP - Marzo 2017!

Ciao a tutti lettori e buon inizio settimana! Come va? Spero bene.
Oggi (con qualche giorno di ritardo rispetto alla mia promessa fatta nel book haul) vi porto il wrap up del mese appena passato, ovvero Marzo maddai!
Sono abbastanza fiera delle letture di questo mese, in quanto ho letto nove libri, anche se non tutti sono romanzi. Curiosi? Iniziamo!

Il primo libro che ho concluso questo mese - in ordine cronologico - è stato un classico, Il giovane Holden di Salinger. Un libro che ho sentito consigliare ai ragazzi principalmente che sono nel pieno dell'adolescenza, e così ho acciuffato il consiglio, cosa che penso sia stata ottima per comprendere a pieno l'ottica del libro. Alla fine della lettura i miei pensieri verso questo libro erano molto contrastanti, da una parte lo trovavo una lettura molto carina e scorrevole, dall'altra priva di senso; con il passare dei giorni, però, questo libro mi è entrato dentro, firmando in modo speciale il mio cuore. E' un libro che mostra ciò che gli adolescenti vedono, la rabbia che reprimono, il bisogno di fuggire. E il loro sentirsi bene solo grazie a qualcuno, anche se è piccolo, anche se dovrebbe essere insignificante. In molti passaggi Holden mi è parso antipatico e fin troppo esagerato, ma ciò ha reso la storia ancora più reale e sincera, in quanto Holden è un ragazzo sedicenne che, come tutti i ragazzi a questa età (in particolare proprio i maschi), cerca di sentirsi grande, di sentirsi forte e invincibile. Consigliato a chi non è mai davvero cresciuto, a chi vede il mondo ancora con un occhio molto critico, ma che poi si salva grazie alle piccole cose, ai piccoli gesti.
Il secondo libro che ho letto non è stato un romanzo, bensì un insieme di vignette dell'adorabile Sarah Andersen, e per la quale ringrazio il sito NetGalley per la copia digitale. Ho letto queste vignette in inglese e, sinceramente, pur essendomi piaciute moltissimo, non vi consiglio l'acquisto di questo libro. Tutte le vignette raccolte in questo volume, infatti, sono le stesse che potete trovare in giro per internet (in particolar modo su facebook).
Volume adorabile? Certamente, ma molto commerciale!

Recensione: qui.
Sempre grazie a NetGalley, ho potuto leggere un'altra raccolta di vignette, questa volta dei Lunarbaboon. 
Di questo volume vi ho anche fatto una recensione apposita, in quanto è stato davvero molto importante per me leggerlo, ma soprattutto mi ha fatto pensare moltissimo. Ciò potrebbe sembrare strano, in quanto è semplicemente un insieme di vignette molto divertenti e tranquille che raccontano un po' la vita di tutti i giorni delle famiglie. Questo volume, in realtà, non è solo questo: parla di come la famiglia sia importante, sempre, di come tutti noi possiamo e abbiamo bisogno di trovare conforto in essa, anche gli uomini che, molto spesso, vengono considerati quasi menefreghisti su questo argomento. Vi consiglio di andare a leggere la recensione che ne ho scritto, in quanto vi parlo dettagliatamente delle mie impressioni e vi mostro anche qualche vignetta. 

Anche il quarto volume letto questo mese non è stato un romanzo, bensì un manga. E che manga!
Come penso ormai sappiate, Sherlock è rientrato nella mia cerchia dei preferiti in ogni dove. Adoro la serie tv, i romanzi, i manga, i gadget. Tutto. Logicamente, proprio per questo mio accanimento a questo personaggio, non potevo di certo esimermi dal leggere il manga basato sulla meravigliosa serie tv della BBC. Questo volume in particolare è la rappresentazione della seconda puntata della prima stagione, Il banchiere cieco.
Sinceramente non ho nulla da dire, se non che dovete guardare assolutamente la serie tv e, magari, leggervi anche i manga, che sono fedelissimi a quest'ultima (soprattutto nei disegni)!
Recensione: qui.
Torniamo adesso ai romanzi, e lo facciamo con una bellissima scoperta. 
Questo libro è stato nella mia WL per tanto, ma tanto, ma tanto di quel tempo che ormai stava per farci la muffa. Così, quando l'ho visto in una bancarella a Napoli a soli tre euro, beh, non me lo sono lasciato scappare e l'ho acquistato! Dopo l'acquisto, ho iniziato subito a leggerlo, proprio perché ero davvero molto curiosa della trama e, che dire, mi è piaciuto moltissimo. 
Vi ho scritto una recensione più approfondita che vi invito caldamente a leggere se volete conoscere il mio pensiero, in quanto le recensioni le scrivo sempre poco dopo aver concluso la lettura del romanzo in questione e ciò mi permette di non omettere nessun dettaglio. 
Fatto sta che la narrazione è stata scorrevolissima, lo stile di scrittura sublime e la trama molto interessante e appassionante. L'unico difetto che posso trovare per questo libro è quello di essere, certe volte, abbastanza lento. Ci sono, infatti, alcuni passaggi abbastanza inutili, anche se ciò non dà in nessun modo voglia al lettore di abbandonare questo volume. Una storia d'amore toccante e dolcissima, che, però, non sfocia mai nello smielato. E' inoltre un romanzo crudo, vero, in quanto mostra gli aspetti sia positivi che negativi della questione ''viaggi nel tempo'' e di come, nel caso ciò dovesse accadere, noi essere umani ci comporteremmo. Davvero stra-consigliato. 
Ah, eccoci arrivati alla lettura preferita in assoluto di questo mese e, in particolare, anche di quest'anno: L'amica geniale di Elena Ferrante.
Vorrei, per prima cosa, precisare che ero totalmente disinteressata a questa serie, in quanto la vedevo spammata ovunque e, quando ciò accade, il volume in questione molto spesso non mi convince o, comunque, non mi appassiona. Avendo anche i volumi un costo abbastanza eccessivo, ho totalmente ignorato questa saga. Fatto sta che, per caso o per fortuna, la mia professoressa ne ha parlato e, dopo una breve chiacchierata, ha deciso di prestarmi il primo volume. Qual gesto migliore! Ho divorato questo libro, abbastanza corposo, in pochissimo tempo, dando anima e corpo ad ogni parola scritta. Mi rode il non aver fisicamente questo volume (e anche il secondo, che ho concluso da poco), in quanto spesso mi viene voglia di tornare a darci una sbirciata, a rileggere qualche passaggio. 
Parlare della trama di questo libro penso sia totalmente impossibile, in quanto una trama non esiste. Le protagoniste sono meravigliose, così reali che vi sembra di conoscerle sul serio, odiose e invidiose l'una dell'altra come non ne avete mai viste. Inoltre mi ha affascinata tantissimo scoprire la Napoli degli anni Sessanta in quanto napoletana - cosa che mi ha portato ad apprezzare ulteriormente il volume, con i suoi dettagli della città. Starei qui a parlarvi di questo volume per ore e ore e ore, ma tutte le mie parole non riuscirebbero assolutamente a descrivere nemmeno un quarto delle emozioni che mi ha fatto provare questa storia. Se avete qualche ripensamento, se non siete sicuri, eliminate qualsiasi cosa e leggete questo libro. Assolutamente,
Recensione: qui.
Per la settima lettura conclusa questo mese devo ringraziare la casa editrice, La strada per Babilonia,  che mi ha molto gentilmente omaggiato della copia. Ho, ovviamente, scritto e pubblicato una recensione su questo libro, ma vi dirò comunque in breve cosa ne penso. 
Come dico nella recensione, questo volume cerca di far comprendere al lettore quanto la figura della donna sia importante nella società, odierna e non. Molto spesso non sentiamo il bisogno di vedere la donna in qualche modo particolare, in quanto siamo abituati alla sua figura, alla sua presenza, ma, se qualcuno ci pensa bene, ella è davvero fondamentale nella vita di tutti i giorni. Senza donna non ci sarebbero cure, affetto, cibi deliziosi, ma - in particolare - non ci sarebbe vita. Questa abitudine porta a pensare, soprattutto al sesso maschile, che la donna sia, spesso, un oggetto - anche per mentalità arretrare e credenze antiche. Ogni giorno ascoltiamo di donne maltrattate, picchiate, sfregiate, uccise dai propri partner, e ogni giorno stiamo sempre in silenzio e accettiamo le notizie sperando che mai e poi mai possa toccare a noi. Questo libro cerca di gridare al mondo che le donne non devono essere trattate in questo modo, che le donne sanno essere indipendenti, sanno dire basta quando c'è da dire basta, che sanno accettare sé stesse, rifiutando il male. E' un insieme di storie, realmente accadute, che aiuta a comprendere, che dice ad ogni lettrice donna ''tu sei altro'' e ad ogni lettore uomo ''tu non sei nessuno per poterle fare ciò''. 
Ebbene sì, anche io ho letto questo libro acclamatissimo e molto osannato ovunque. Ho acquistato questa raccolta di poesie - o pensieri - in un momento in cui ne avevo proprio bisogno e, quindi, il periodo mi ha aiutato ad apprezzarlo al meglio.
Ho sentito questi pensieri così vicino ai miei che ho prestato questo libro a chiunque, addirittura alla mia professoressa, pur di farlo conoscere e di far comprendere l'importanza delle parole scritte in esso. Sono consapevole del fatto che non tutti i pensieri siano perfetti, siano belli e appassionanti, fatto sta che mi ha davvero colpita come raccolta - oltre ovviamente ai vari disegni molto lineari e semplici ma che danno un tocco in più.
Ci sono state delle parti che non mi sono piaciute moltissimo, ma ho adorato in particolar modo i pensieri riservati alla famiglia e alla condizione delle donne che, come avrete capito, è un argomento che mi sta molto a cuore. (S)fortunatamente, questo libro è ancora in fase di prestito e ciò non mi permette di riprenderlo tra le mani come vorrei, ma appena lo riavrò con me gli darò sicuramente un'altra sbirciatina.
Potete finalmente tirare un sospiro di sollievo, in quanto siamo arrivati alla mia ultima lettura del mese. 
Per l'incontro con l'autore (che vi ho spammato ovunque) ho dovuto, per ovvie ragioni, acquistare l'ultimo suo libro uscito, Chi sta male non lo dice. L'autore in questione è ovviamente Antonio Dikele Distefano, ragazzo straniero che è riuscito a trasmettere i pensieri della sua gente a tutti noi, dando così la prova che nessuno è migliore di nessuno. 
In questo libro molto breve si parla della storia d'amore tra due ragazzi, una storia d'amore molto moderna, in quanto il ragazzo è un drogato ed entrambi hanno problemi in famiglia. La storia effettivamente uscì un po' di tempo fa gratuitamente su tutti gli ebook store, ma, con la versione cartacea, è stata aggiunta anche una seconda parte, vista sotto il punto di vista del ragazzo. La storia mi è piaciuta e mi ha fatto molto riflettere, cosa che accade spesso con i volumi dell'autore. Non è, ovviamente, un capolavoro e nemmeno uno dei miei libri preferiti (di lui ho adorato in particolar modo la seconda pubblicazione, prima o poi ci abbracceremo), ma vi consiglio davvero di acquistarlo se volete una lettura leggera ma che nel compenso vi faccia riflettere. Vi lascio qui la recensione che feci della prima parte del romanzo che lessi, per l'appunto, sul telefono quando uscì, quindi, se si va di conoscere più a fondo il mio pensiero, andate a leggere quel post. 
Siamo, finalmente per tutti voi, arrivati alla fine di questo post. Spero di non avervi annoiato in nessun modo e che, anzi, vi abbia dato qualche ispirazione sui prossimi libri da acquistare e leggere. Io sono molto fiera delle letture che ho portato a termine questo mese e spero che anche nei prossimi possa trovare delle piccole perle da potervi proporre. 
Vi ringrazio di cuore se siete arrivati fin qui 
alla prossima, 

6 commenti:

  1. Quante belle letture! Allora per quanto riguarda "Il giovane Holden" devo ammettere di non averlo ancora mai letto, ma lo farò presto. Elena Ferrante invece mi ha ammaliato completamente con la sua "Amica geniale" tanto che non vedo l'ora di poter avere tra le mani il secondo volume di questa meravigliosa quadrilogia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono molto felice di tutti i libri letti!
      Sono curiosa di sapere il tuo parere per ''il giovane Holden'', mentre non posso fare a meno di concordare con te sulle parole per l' ''amica geniale''!

      Elimina
  2. Ciao! Complimenti per le tue bellissime letture! Indimenticabile "Il giovane Holden", un vero capolavoro "L'amica geniale"!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi fa piacere che ti siano piaciute!
      Entrambe letture che si insinuano nell'anima del lettore, ognuna per motivi diversi. <3

      Elimina
  3. che bello Sherlock anche io lo sto leggendo *_* mi piace molto il blog mi sono iscritta subito ti va di ricambiare?
    http://unlibropersognare1.blogspot.it/2017/04/la-bella-e-la-bestia-book-tag.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. <3

      Grazie mille, vado a dare subito un'occhiata al tuo angolino!

      Elimina