In cooperazione con Amazon.it Sono diventata un'affiliata Amazon! Se acquisterete cliccando su questa foto di fianco (programma affiliazione amazon), infatti, mi arriverà una minima commissione dalle tasche del sito (mi sembra meno del 5%) e io provvederò a utilizzare quei soldi per acquistare libri, graphic novel e quant'altro da poter recensire sul blog. Ringrazio tutti coloro che utilizzeranno questo link!

mercoledì 28 giugno 2017

WWW ... Wednesdays! #31

Come stanno andando le vostre vacanze estive? A me procedono molto tranquille, e sono contenta così. Ogni giorno continuo con il guardare Doctor who e il libro che ho in lettura.
Oggi, come quasi ogni mercoledì, vi porto la puntata abituale del WWW. Partiamo?

martedì 27 giugno 2017

RECENSIONE: Mandami tanta vita - Paolo Di Paolo


[LINK DIRETTO ALL'ACQUISTO DA AMAZON]

SINOSSI:
Moraldo, arrivato a Torino per una sessione d'esami, scopre di avere scambiato la sua valigia con quella di uno sconosciuto. Mentre fatica sui testi di filosofia e disegna caricature, coltiva la sua ammirazione per un coetaneo di nome Piero. Alto, magro, occhiali da miope, a soli ventiquattro anni Piero ha già fondato riviste, una casa editrice, e combatte con lucidità la deriva autoritaria del Paese. Sono i giorni di carnevale del 1926. Moraldo spia Piero, vorrebbe incontrarlo, imitarlo, farselo amico, ma ogni tentativo fallisce. Nel frattempo ritrova la valigia smarrita, ed è conquistato da Carlotta, una fotografa di strada disinvolta e imprendibile in partenza per Parigi. Anche Piero è partito per Parigi, lasciando a Torino il grande amore, Ada, e il loro bambino nato da un mese. Nel gelo della città straniera, mosso da una febbrile ansia di progetti, di libertà, di rivoluzione, Piero si ammala. E Moraldo? Anche lui, inseguendo Carlotta, sta per raggiungere Parigi. L'amore, le aspirazioni, la tensione verso il futuro: tutto si leva in volo come le mongolfiere sopra la Senna. Che risposte deve aspettarsi? Sono Carlotta e Piero, le sue risposte? O tutto è solo un'illusione della giovinezza?

lunedì 26 giugno 2017

Spacchettiamo insieme! #8

Finalmente, una gioia! Il postino ha suonato ed io sono corsa (ovviamente vestita male e con tanto di faccia sconvolta) a prendere il mio adorato pacco. Un pacco, tra l'altro, molto speciale, in quanto arriva dalla CE Salani Editore, che mi ha gentilmente inviato questo titolo che mi sembra molto profondo e che non vedo l'ora di iniziare. Ma andiamo a vedere di che titolo sto parlando.

sabato 24 giugno 2017

RECENSIONE: Legione. River - Simona Colombo


SINOSSI:
La Legione Segreta è un’organizzazione mondiale che da migliaia di anni indaga su misteri naturali e soprannaturali. I suoi membri sono scienziati, artisti, inventori, persone con doti speciali disposte a lasciare una vita convenzionale per lavorare nell’ombra. Diventare un legionario può essere un privilegio o una condanna. Questa è la storia di River che scopre la Legione Segreta quasi per errore. È la storia della sua missione più importante e pericolosa che coinvolgerà la sua famiglia, il suo migliore amico e legionari vissuti in epoche passate. 1883 - Cinque membri della Legione Segreta sono in missione nella leggendaria città di Kenorah, sperduta nel deserto australiano. Scompaiono insieme all'intero altopiano su cui è costruita. 1993 - Africa centrale. Il diciottenne River Peacock resta, suo malgrado, coinvolto in un esperimento sui viaggi nel tempo. Suo padre, legionario a capo del progetto, è costretto a rivelargli l'esistenza dell’organizzazione e portarlo con sé. 2013 - River ha lasciato la Legione da dodici anni e vive con la figlia Maya in una casa di pietra. Un giorno riceve la visita di un legionario che lo informa del ritrovamento del diario di Garrard, uno degli uomini scomparsi durante la spedizione a Kenorah. River scopre, così, che il suo nome compare su pagine scritte centotrenta anni prima.

venerdì 23 giugno 2017

ANTEPRIMA: La fine della solitudine - Benedict Wells

SINOSSI:
Jules sa di essere un custode di ricordi, come dice Alva, ma questa non è solo la sua storia.
È la storia di tre fratelli, Jules, Liz e Marty, che da piccoli perdono i loro genitori in un incidente e sono costretti a vivere separati e senza famiglia, estranei l’uno all’altro. Marty si butterà a capofitto negli studi, Jules sfuggirà alla vita diventando un introverso mentre Liz si brucerà alla sua fiamma, vivendo senza limiti. La loro infanzia difficile sarà come un nemico invisibile, da cui impareranno a difendersi.
Più di ogni altra, questa è la storia di Jules e Alva. Due solitudini che si incrociano, si cercano e si mancano, inquiete, per anni. Jules e Alva sono incapaci di riconoscere quel che provano l’uno per l’altra, legati come sono dal bisogno di amicizia, con il loro perdersi, ritrovarsi e salvarsi.
Ma questa è soprattutto la storia di chi, come Jules, serba i propri ricordi insieme a tutte le alternative che non ha scelto, pur sfiorandole e sperimentandole attraverso la letteratura e la musica.
Dalla voce di un giovane e già osannato talento della narrativa tedesca, un grande romanzo sulla magia della scrittura che salva dal male. Un libro che commuove e fa sorridere, senza retorica né sentimentalismi, scritto in una prosa coinvolgente come il racconto di un sopravvissuto, chiara come una lama che affonda con dolcezza nelle nostre paure, calda come l’immagine di una foto ritrovata dopo lungo tempo.


L'AUTORE:
Classe 1984, il giovane scrittore tedesco Benedict Wells (nato a Monaco, vive a Berlino) è davvero una rivelazione: in un romanzo che non si vergogna delle emozioni ma non indulge mai nel patetico, racconta una storia di fratellanza e di perdita, di amore e di vocazione, costruisce un apologo sulla memoria e sulla scrittura, attraversato da musica, luoghi e relazioni che hanno una dimensione viva e credibile. Con semplicità solo apparente, ma una struttura di andirivieni nel tempo piuttosto sofisticata, in La fine della solitudine Wells costruisce una narrazione matura, sensibile, avvincente, che coniuga freschezza dello sguardo e una maturità della scrittura inattesa. 

martedì 20 giugno 2017

RECENSIONE: Firmino - Sam Savage

[LINK DIRETTO ALL'ACQUISTO DA AMAZON]

SINOSSI:
Firmino è un topo nato in una libreria di Boston negli anni Sessanta. È il tredicesimo cucciolo della nidiata, il più fragile e malaticcio. La mamma ha solo 12 mammelle e Firmino rimane l'unico escluso dal nutrimento. Scoraggiato, si accorge che deve inventarsi qualcosa per sopravvivere e comincia ad assaggiare i libri che ha intorno. Scopre che i libri più belli sono i più buoni. E diventa un vorace lettore, cominciando a identificarsi con i grandi eroi della letteratura di ogni tempo. In un finale di struggente malinconia, Firmino assiste alla distruzione della sua libreria ad opera delle ruspe per l'attuazione del nuovo piano edilizio.

domenica 18 giugno 2017

LIBRI USATI: salvezza o dannazione?

Avendo letto il post davvero illuminante pubblicato Clarissa sul suo blog, che vi lascio qui e che vi invito caldamente a leggere, che parlava dei libri usati e di come qualcuno pensi che questi possano essere considerati come "scarti", dannazione per l'editoria, mi sono interessata maggiormente all'argomento, e ho iniziato a pormi nuove domande e a darmi molte risposte, che oggi vorrei condividere con voi.
Reading A Book Smiley Pink Rose Flower